Conoscenza

QUANDO IL CALORE DI SCARTO NON È UN PESO MA UNA RISORSA

Lo sfruttamento del calore di scarto rappresenta una delle sfide più grandi nell'energia moderna, allo stesso tempo offrendo un grande potenziale per la preparazione efficiente dal punto di vista ecologico ed economico del calore utilizzabile. Il calore di scarto è quindi il calore che può essere utilizzato altrove. Cosa è il calore di scarto, perché si verifica e come può essere intelligentemente utilizzato per ottenere maggiori risparmi viene rivelato di seguito.
laguna-za-rastlinjakom-kronoterm-lust-paradajz-doo

In tutti i processi di raffreddamento si genera calore. Questo calore può essere considerato come scarto se non viene utilizzato, oppure può essere sfruttato per riscaldare qualcos’altro. Un esempio pratico della vita quotidiana è il frigorifero, che mantiene l’interno freddo ma emette calore nell’ambiente circostante. Poiché il frigorifero è un dispositivo piccolo, il calore emesso è trascurabile e non lo percepiamo nell’ambiente. Però, in strutture industriali e altri edifici più grandi, dove le esigenze di raffreddamento a causa dei processi di trasformazione e produzione sono enormi, possiamo immaginare questi luoghi come enormi frigoriferi che emettono notevoli quantità di calore in ambiente circostante. Se l’impatto del calore emesso nell’ambiente è trascurabile nel caso di un frigorifero, questo non è vero per i “grandi frigoriferi” – grandi strutture industriali, il cui calore emesso deve essere espulso dall’edificio attraverso ventilatori e sistemi di raffreddamento nell’aria, fiumi, laghi o mari. Tra i processi che richiedono un raffreddamento intensivo ci sono ad esempio il raffreddamento delle cantine del vino, il raffreddamento dei laser per il taglio, le lavanderie, la ventilazione delle gallerie minerarie, la trasformazione degli alimenti, e così via.

 

La perdita di calore è la temperatura a basso livello che non possiamo utilizzare direttamente. Possiamo considerarla come energia inutilizzata, una preziosa fonte di calore già presente che non è necessario acquisire, ma solo sapere come sfruttarla.

 

 

ACQUA DI SCARTO, CHE NON È SCARTO

Possiamo guardare a questa temperatura come a un onere, rappresentante uno spreco, o come a una grande risorsa che possiamo utilizzare a nostro vantaggio. Presso l’azienda Kronoterm abbiamo scelto anni fa la seconda opzione, pertanto offriamo sistemi che sfruttano il calore di scarto in modo che diventi utile per altri processi. Tra i processi tipici per cui possiamo utilizzare il calore di scarto ci sono il riscaldamento degli edifici e il riscaldamento dell’acqua sanitaria.

 

COME POSSIAMO UTILIZZARE L’ACQUA DI SCARTO?

L’utilizzo del calore di scarto è possibile attraverso l’aria con una pompa di calore aria-acqua e attraverso l’acqua con una pompa di calore acqua-acqua. Vediamo un esempio concreto. Molti impianti industriali spesso rilasciano l’acqua di scarto con una temperatura di 30 °C nell’ambiente circostante, ad esempio nell’aria o nelle acque circostanti (torrenti, fiumi…). L’acqua a questa temperatura rappresenta una fonte di riscaldamento molto conveniente, che presso l’azienda KRONOTERM sappiamo sfruttare con una pompa di calore. L’acqua a 30 °C di per sé non è utilizzabile, ma con una pompa di calore KRONOTERM possiamo riscaldarla a 50 °C, con una pompa di calore KRONOTERM con booster anche a oltre 80 °C. Quest’acqua riscaldata può essere ulteriormente utilizzata per il riscaldamento degli edifici e dell’acqua sanitaria, ed è utile anche nei sistemi di riscaldamento centralizzato.

cof

CALORE DI SCARTO: ORO CHE BUTTIAMO DALLA FINESTRA?

Quanto sia vantaggioso una fonte con temperatura iniziale di, ad esempio, 30 °C o più, può essere illustrato confrontandolo con altre fonti di calore sfruttate dalle pompe di calore. Le pompe di calore acqua-acqua solitamente sfruttano efficacemente una fonte di calore, ovvero il calore sotterraneo con una temperatura più o meno costante durante tutto l’anno tra 8 e 12 °C. Le pompe di calore aria-acqua, d’altra parte, utilizzano il calore dell’aria, che in inverno può avere una temperatura inferiore anche a -10 °C. Se entrambi devono estrarre calore da fonti con temperature come quelle sopra citate e allo stesso tempo produrre calore utile utilizzato per riscaldare ambienti o acqua sanitaria a una temperatura di 60 °C, questo significa che hanno un compito più difficile rispetto alle pompe di calore (specialmente le pompe di calore aria-acqua) che sfruttano il calore di scarto a 30 °C. La differenza tra la temperatura della fonte di calore e la temperatura desiderata del calore utile è notevolmente maggiore: aumentare la temperatura da 30 °C a 60 °C richiede meno energia investita. E se torniamo all’utilizzo del calore di scarto in base a quanto detto: il calore di scarto a 30 °C è semplicemente una fonte di calore troppo buona per essere scartata così facilmente.

POZITIVNI IMPATTI SULL’AMBIENTE

Lo sfruttamento delle acque reflue non porta solo a una significativa riduzione dei costi operativi dell’edificio grazie al risparmio di energia primaria. Ogni unità di calore recuperata ha un grande impatto sull’ambiente e sulla riduzione delle emissioni di gas serra. L’azienda KRONOTERM ha contribuito con successo alla riduzione dell’inquinamento ambientale e dei costi anche presso l’azienda Lušt, dove è installata la più grande pompa di calore in Slovenia – la pompa di calore KRONOTERM. Puoi leggere di più su questo progetto visionario di successo qui.

 

Se desideri sfruttare il calore residuo generato durante i processi operativi del tuo edificio attraverso il sistema di pompe di calore e ridurre significativamente i costi operativi, contattaci e progetteremo una soluzione completa.


Etichette: , , , , , , ,

LEGGETE ANCHE